Katia Rindone al Collesano Music Fest il 4 ago 2012!!!

La manifestazione “Collesano Music Fest, Capitolo III” nata nel 2010 dall’idea di un gruppo di giovani collesanesi con l’intento risvegliare la voglia di musica nei cittadini collesanesi e delle Madonie.
La voglia di partecipazione dal basso, la passione per la musica, lo scambio di idee e di diverse culture musicali, associato alle tradizioni e ai sapori del territorio hanno dato alla manifestazione. 
L’Associazione Collesano Lab, capofila del progetto, con la collaborazione dell’Associazione Contro Tendenza, ha il piacere di incanalare questa voglia di musica nel progetto “Collesano Music Fest, Capito III”. 
Le due precedenti edizioni hanno avuto un’ottima partecipazione di pubblico, più di 3000 persone, principalmente giovani, studenti tra i 17/27 anni. 
Quest’anno, è nostra intenzione accostare questa voglia di partecipare al concetto Europa. 
I giovani in una Europa che deve esser vista come un’Istituzione vicina alle esigenze dei giovani stessi e del territorio dove vivono, non come una fredda e distaccata entità di istanza a Bruxelles. 
La manifestazione prevede una giornata dedicata alla musica, dove gli attori principali saranno appunti i giovani e lo scenario il paese di Collesano. Ad accogliere i visitatori lungo il corso verranno allestiti dei gazebo informativi dove verrà distribuito il programma dettagliato della giornata con gli orari e le location che si alterneranno durante la manifestazione. 
Quest’anno il Fest ha visto partecipare alle selezioni, che si sono tenute al MyKalsa a Palermo, più di 70 artisti e bands provenienti da tutta Italia. Nella finale, che si svolgerà come detto il 4 Agosto, di esibiranno i primi sette classificati: Acting Out (PA), laGrandine (ME), Duin (PA), Spleen Tree (TO), Federico Bruno (PA), Calabriamaica (RC), Original Sicilian Style (CT). In finale sono entrate le diverse sonorità che oggi girano nel panorama europeo: dal folk, all’indie, dal post rock al hip pop. Il Capitolo III prevede tre premi, un Tour nazionale, un tour regionale ed il Premio Europe, che sarà assegnato a quell’artista che dimostrerà sul palco che ha le carte in regola per entrare nel mercato europeo della musica. 

 

I finalisti si contenderanno la possibilità di contendersi i premi previsti, a cura dell’Associazione Collesano Lab:

1)Primo Classificato: contratto per TOUR NAZIONALE

2)Secondo Classificato: contratto per TOUR REGIONALE [Sicilia]

3) Premio “Europe”

 

 la Giuria sarà composta da:

 

–          Lorenzo Quattrocchi, MyGroove label manager;

–          Totò Grilletto, Front-man “Ncantu d’Azziz”;

–          Gjin Schirò, Giornalista e critico musicale;

–          Angelo Asciutto, Giornalista “Giornale di Sicilia” e delegato CMF;

–          Enza Efes Ferrara, Mescalina e DLSO;

–          Paola Castiglia, Direttore di www.lavoceweb.com

–          Katia Rindone, Stonature/Super Fuzz

 

 

Il Capitolo Terzo sarà presentato una coppia inedita, Katia Rindone, musicista, ideatrice e conduttrice del programma radiofonico Super Fuzz e responsabile di Stonature, e Giorgia Duro, Miss Palermo 2010 e co-conduttrice di TRM.

 
La manifestazione prevede un grande investimento nella comunicazione. La nostra mission è far arrivare il nostro messaggio ai giovani, LA MUSICA è ESPRESSIONE DI LIBERTA’!!!!!!

PROGRAMMA 04 AGOSTO – Piano delle Fiere, Collesano (PA) 

PREFEST ORE 19.00 – 4 Agosto 
Nella grande piazza di Piano delle Fiere, artisti di strada intratterranno i partecipanti con i loro numeri. Verranno allestiti diversi gazebo per la degustazione dei prodotti tipici del territorio, dai salumi ai formaggi, e tanto altro. Un’ottima vetrina per far conoscere le bontà del territorio ai tanti che parteciperanno al festival. 
Aprono i concerti: 

No Name – Blues (Pa) 
Vuoto Apparente – Vincitori CMF 2011 
Taligalè – Cantautoriale (PA) 
Orchestra popolare Rosa Park – Etnica popolare (PA) 

CMF-FESTIVAL   ORE 21.00 – 4 Agosto 
 
Si alterneranno sul grande palco sito in “Piazza delle Fiere” i sette gruppi finalisti del Music Fest. I migliori sanno premiati con un Tour nazionale, un Tour regionale e con il “Premio Europe”. 

Acting Out – Indie rock (PA) 
laGrandine – Post rock (ME) 
Duin – Etnico Popolare (PA) 
Spleen Tree Blues Rock (TO) 
Federico Bruno – Cantautoriale (PA) 
Calabriamaica . Raggae Hip Pop(RC) 
Original Sicilian Style Raggae (CT) 

Chiuderà il festival ‎***********NICO ROYALE************From BOLOGNA – HIP POP. 

PREMIAZIONE DEI GRUPPI VINCITORI 

AFTER-FEST  ORE 01.00 – 5 Agosto 
 
Aprono l’After FEST – Kover Mc & Alex (PA) Live RAP 

Come tradizione vuole saliranno sul palco diversi Dj: 

– Carmelo Guzzio “The Voice” – Commercial/House 
– Soggetti Nocivi – Drum&Bass 
– Doctor Poison – Drum&Bass con Vinili 

Special GUEST*******************Dj Caminita di Radio TIME 

Ore 04,30 – 05 Agosto 

Per gli irriducibile la classica spaghettata della notte madonita. 
Tanta buona musica e parta partecipazione dal basso. 

COLLESANO MUSIC FEST: Dove finiscono le parole…Inizia la musica!!!

Super Fuzz on air dal 23.07.2012 al 29.07.2012

Super Fuzz in onda su

 

Di e con katia rindone

 

radio sonora

www.radiosonora.it

ogni mercoledì

13.00 – 13.30

ogni venerdì in replica

16.00 – 16.30

 

 

radio criluge

www.radiocriluge.net

ogni giorno

12.00 -12.30

18.00 -18.30

 

questa settimana:

one way ticket (italy)

using bridge (italy)

progetto cala la sera (italy)

the apes party (italy)

les brucalifs (italy)

nu bohemian (italy)

the disappening (italy)

violassenzio (italy)

abbiamo trasmesso:

 

  • 1° puntata 2011:  famiglia caramia (italy)  – tleary (italy)  – wats ballet – da hand in the Middle (italy) – reckless pets (italy) – blank (italy)
  • 2° puntata 2011:  a3 puglia projct (italy)  – crimson wind (italy)  – dave rave (italy) – rockky band (italy) – the jack aldmons (italy) – future retro (italy) – cervelli stanki (italy) – cats and job (italy)
  • 3° puntata 2011:  good bye holywood (italy) – In Sintesi (italy) – anonimus shapes (italy) – nomorespeech (italy)  – contratto sociale (italy) – nimphemake (italy)  – handra
  • 4° puntata 2011:  alessandro piraino (italy) – melodramus – massimo  stona (italy) – aloisiriondo (italy)– ilenia gironimo (italy) – ibridoma (italy)– the second bad luck (usa)
  • 5° puntata 2011: angolo giro (italy)– camera mia (italy)– cff e il nomade venerabile (italy)– corrado stura (italy)– levi (italy)– protoni
  • 1° puntata 2012:  progetto paniko (italy) – alabastro euforico (italy) – borderline (italy) – david pentagon tribe (usa) – laya (italy) – soluzione (italy) – soldout – vuoto apparente (italy)
  • 2° puntata 2012:   bad rock (italy) – mama in inca (italy) – diaframma (italy) – teatro degli orrori (italy) – nau the green panters (italy) – the main stream (italy) – waiwa (italy)
  • 3° puntata 2012:   vallanzaska (italy) – laika vendetta (italy) – operaja criminale (italy) – rf7 (usa) – oriental night fever (italy) – lonely driften karen – rabid duck (italy)

 

  • puntata 2012:   grimoon (italy) – evy amesano (italy) – the orobians (italy) – sick tamburo (italy) – fonokit  (italy) – margareth  (italy) – tomat (italy)
  • puntata 2012:  the moon (italy) – babel (italy) – pan del diavolo (italy) – frei (italy) – fraulein alice (italy) – malatempora (italy) – following Friday (italy)
  • puntata 2012:  coquette (italy) – chelsea hotel (usa) – rosso dalmata (italy) – stereo age (italy) – lemmings (italy) – pivirama (italy) – my secret window (italy) – karenina (italy)
  • 7 °puntata 2012: esilia – gloria’s head (usa) – piccolo animali senza espressione (italy) – i salici (italy) – la tosse grassa (italy) – interastic

 

Invia la tua musica e qualche informazione sul tuo progetto musicale oppure segnalaci il tuo concerto e ne faremo una puntata a: superfuzz.stonaturefamily@gmail.com

***

 

Super Fuzz on air

 

of and with katia rindone

 

radio sonora

www.radiosonora.it

every wednesday 

13.00 – 13.30

every Friday in reply

16.00 – 16.30

 

radio criluge

www.radiocriluge.net

everyday

18.00 – 18.30

this week

 

one way ticket (italy)

using bridge (italy)

progetto cala la sera (italy)

the apes party (italy)

les brucalifs (italy)

nu bohemian (italy)

the disappening (italy)

violassenzio (italy)

last weeks

 

  • 1° puntata 2011:  famiglia caramia (italy)  – tleary (italy)  – wats ballet – da hand in the Middle (italy) – reckless pets (italy) – blank (italy)
  • 2° puntata 2011:  a3 puglia projct (italy)  – crimson wind (italy)  – dave rave (italy) – rockky band (italy) – the jack aldmons (italy) – future retro (italy) – cervelli stanki (italy) – cats and job (italy)
  • 3° puntata 2011:  good bye holywood (italy) – In Sintesi (italy) – anonimus shapes (italy) – nomorespeech (italy)  – contratto sociale (italy) – nimphemake (italy)  – handra
  • 4° puntata 2011:  alessandro piraino (italy) – melodramus – massimo  stona (italy) – aloisiriondo (italy)– ilenia gironimo (italy) – ibridoma (italy)– the second bad luck (usa)
  • 5° puntata 2011: angolo giro (italy)– camera mia (italy)– cff e il nomade venerabile (italy)– corrado stura (italy)– levi (italy)– protoni
  • 1° puntata 2012:  progetto paniko (italy) – alabastro euforico (italy) – borderline (italy) – david pentagon tribe (usa) – laya (italy) – soluzione (italy) – soldout – vuoto apparente (italy)
  • 2° puntata 2012:   bad rock (italy) – mama in inca (italy) – diaframma (italy) – teatro degli orrori (italy) – nau the green panters (italy) – the main stream (italy) – waiwa (italy)
  • 3° puntata 2012:   vallanzaska (italy) – laika vendetta (italy) – operaja criminale (italy) – rf7 (usa) – oriental night fever (italy) – lonely driften karen – rabid duck (italy)

 

  • puntata 2012:   grimoon (italy) – evy amesano (italy) – the orobians (italy) – sick tamburo (italy) – fonokit  (italy) – margareth  (italy) – tomat (italy)
  • puntata 2012:  the moon (italy) – babel (italy) – pan del diavolo (italy) – frei (italy) – fraulein alice (italy) – malatempora (italy) – following Friday (italy)
  • puntata 2012:  coquette (italy) – chelsea hotel (usa) – rosso dalmata (italy) – stereo age (italy) – lemmings (italy) – pivirama (italy) – my secret window (italy) – karenina (italy)
  • 7 °puntata 2012: esilia – gloria’s head (usa) – piccolo animali senza espressione (italy) – i salici (italy) – la tosse grassa (italy) – interastic

Send your music and some information about your music project or tell us about your concerts and these could be next show to: superfuzz.stonaturefamily@gmail.com

Clown allo sbaraglio

Siamo al secondo appuntamento di “Clown allo sbaraglio” lo spettacolo di incursioni clownesche prodotto dalla Compagnia degli Stonati e Elastica Teatro.

Di e con Katia Rindone (Compagnia degli Stonati) e Viviana Pirazzini (Elastica Teatro), lo spettacolo si terrà tra le strade di Ravenna ogni venerdì sera di luglio e agosto partendo dalla Piazzetta del Trespolo Poetico per tutto il centro Storico.

“Clown allo sbaraglio” è in programmazione all’interno dei venerdì sera organizzati dall’Associazione Libere Donne, con l’obiettivo di raccogliere fondi e promuovere l’apertura della Casa delle Donne che avverrà il prossimo settembre.

Inizio dello spettacolo ore 21.00

E’ ripartito Super Fuzz, il programma radiofonico prodotto da Stonature, manda la tua musica o invitaci ad un live…

E’ ripartito Super Fuzz, il programma radiofonico prodotto da Stonature, manda la tua musica o invitaci ad un live…

Super Fuzz prende vita nel maggio del 2002 da un idea di Katia Rindone e Gianpaolo Peritore. Il programma andava in onda su radio CL1 a Caltanissetta) è ha trasmesso musica emergente e in emersione, italiana e estera fino a settembre del 2004.

Dopo diversi anni di silenzio, oggi Super Fuzz riparte con una nuova formula ovvero Super Fuzz che riprende l’idea originaria: un programma radiofonico di circa 30 minuti dove si può ascoltare musica e interviste, in programmazione settimanale su www.radiocriluge.it ogni giorno dalle 18 alle 18.30 e in podcast su www.radiosonora.it e Super Fuzz Live, ovvero la registrazione di eventi live, la rielaborazione del best of, il tutto accompagnato dalle interviste realizzate durante l’evento. Un vero e proprio special event che va in onda 1 volta ogni settimana su www.radiosonora.it e che prova a raccontare un piccolo pezzo del mondo underground in emersione italiano, ma non solo…

Super Fuzz è un progetto sempre in evoluzione, alla ricerca di nuove radio disponibili a mandarlo in onda, di nuova musica e di live

Super Fuzz è prodotto dall’Associazione Culturale Stonature e realizzato da Katia Rindone e un nuovo compagno di avventure: Matteo Zanotti, che ha sostituito degnamente Janpaolo Peritore ad oggi impegnato nei suoi progetti musicali.

Katia Rindone bazzica il mondo underground dal 1998 in tutte le sue forme, teatro e musica soprattutto. Ha militato in varie formazioni per lo più come voce, chitarra e bassista, prodotto dischi, gestito laboratori teatrali, partecipato a diversi spettacoli, fatto la radio, ufficio stampa e promozione, il driver e il manager di bands italiane all’estero e americane / inglesi in Italia (rf7, the pork dukes, dolls squad, neon maniacs, etc).

Insomma come sempre succede nel underground il tutto fare sopra, sotto e dietro un palco.

Di Super Fuzz è il cuore pulsante, si occupa della promozione e dell’editing, nonché la voce che accompagna le interviste e la musica.

www.facebook.com/katiarindone

www.myspace.com/katiafeedback

Matteo Zanotti alias Dj Zeba, classe ‘76 vive a Bagnacavallo. Cantante,dj, compositore polistrimpellista, sound engineer ed artista visuale si è formato in molte bands e progetti non solo musicali. Appassionato di elettronica vintage e autocostruzione lavora come tecnico del suono arrangiatore freelance e possiede un piccolo studio di registrazione. Attualmente impegnato come cantante saxofonista nei Narconauti (rif. MySpace) ed è uno dei fondatori dei PuPazziDaLegare gruppo di teatro di figura e laboratori ricreativi di Bologna.

Di Super Fuzz è il braccio meccanico, si occupa di registrare i live e del mixaggio….

Ma a breve sentiremo parlare anche lui…

 

http://djzeba.altervista.org

http://www.pupazzidalegare.altervista.org

http://www.myspace.com/narconauti

 

 

Per informazioni:

superfuzz.stonaturefamily@gmail.com

3383103356

 

 

stonature & bedandshow

Anche Stonature sta in “Bedandshow” infatti katia rindone mette a disposizione alcuni posti letto a ravenna.

Ma cos’è “Bedandshow”?

“Bedandshow” è un idea di tiberio ferracane che è partito dalla semplice considerazione che gli artisti (cantautori, musicisti, cabarettisti, ballerini, attori, pittori, circensi, scrittori…ecc, ecc.) spesso non riescono ad esibirsi se non nella loro città di appartenenza poiché i cachet, già esigui, non comprendono il vitto e l’alloggio e naturalmente le spese di viaggio. E … l’idea che ne è scaturita è quella di creare una rete di collegamento fra gli artisti interessati ad esibirsi anche in altre città che non sia quella di residenza: mettendo a disposizione un posto letto per poter ospitare i propri colleghi.

Nasce così www.bedandshow.it

Questo portale è dedicato solo agli artisti (professionisti o meno), che dopo un iscrizione allo stesso, diano la propria disponibilità ad offrire uno o più posti letto e dichiarino per quanti giorni sono disposti ad ospitare; un portale che così crei un collegamento tra tutti gli iscritti che hanno manifestato la stessa disponibilità e permetta di trovare in ogni momento, a seconda delle esigenze di spettacolo, alloggio gratuito, di modo che questo non pesi sull’introito del cachet.

Gli artisti saranno divisi in categorie di modo che possano scegliere di chiedere di essere ospitati da chi condivide le stesse esperienze, in modo da creare scambio di informazioni.

E’ prevuna sezione intitolata “fatti il tour”, dove cliccando sull’area geografica interessata escano nomi di chi ha dato disponibilità del posto letto e perchè no, dei nomi di locali, teatri, scuole ed altro interessati all’iniziativa. 

Visita il sito… noi stonati ci siamo…

20 e 21 agosto – Collesano Music Festival – Collesano (Palermo)

          20 e 21 agosto – Collesano Music Festival – Collesano (Palermo)

La manifestazione “Collesano Music Festival” giunta alla sua seconda edizione è nata dall’idea di un gruppo di giovani di Collesano, piccolo centro in provincia di Palermo con l’intento risvegliare la voglia di musica nei cittadini collesanesi e delle zone limitrofe.

Quest’anno lo spettacolo raddoppia, infatti l’Associazione Collesano Lab con la collaborazione dell’Associazione culturale Contro Tendenza e dell’Associazione Pro Polis e con il patrocinio del
Comune di Collesano, ha il piacere di presentare il “Collesano Music Festival” Capitolo II.

La manifestazione prevede due giornate dedicate alla musica ed ai sapori, dove gli attori principali saranno i giovani, i prodotti tipici delle Madonie e lo scenario il paese di Collesano. 

Ad accogliere i visitatori nelle piazze principali: in piazza Caricatore, piazza Quattro Cannoli, Piazza  Zubbio e Piazza Castello verranno allestiti i gazebo informativi dove è possibile chiedere il programma e le mappe per il Collesano Music festival. 

Quest’anno la Madrina del Festival è Giacoma Cammarata, presentatrice del concorso di Miss Italia per la Provincia di Trapani ed Agrigento.

Ecco il programma:

Sabato 20/08/2011
Ore 21.00 Sul palco le bands selezionate per il Collesano Music Festival. Il miglior gruppo salirà sul palco del SuperSound a Faenza (Circuito MTV, RAI).

Crimson Wind
Deep Black Sees
Senhor Mutrio
Echo Naif
Anonymous Shapes
The Killing Floor
Futuraretro’
Paradogma
The Idlers
Vuoto Apparente
Rockky band
The Jack Halmonds

Le migliori 6 Bands potranno accedere alla finalissima che riterrà il giorno seguente, sullo stesso palco.
 
Domenica 21/08/2011 NOTTE BIANCA

Ore 19.00: Aperitivo musicale  in piazza Castello, in concerto il Maestro Canalini da Genova e il Maestro Jacopo Bianchi.
Ore 21.30: Musica e Sapori in Piazza Quattro Cannoli, in concerto gli Albiluan e a seguire Jo
Cazzuola e i Sextet, musica jazz, fusion e blues con degustazione di prodotti tipici della zona  il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino locale.

Ore 23.30: Finalissima del Collesano Music Festival in Piazza Carricatore che sarà registrata e trasmessa nel circuito i-tunes. Apriranno la finalissima la band Collesanese dei Nullaosta.

Ore 02.30 In piazza Zubbio, con i Dj Faulisi, Dj Ventimiglia, Dj Carmelo, Dj Tuma che proporranno musica house – commercial – dub – reggae e  continua la degustazione, questa volta di panini con salsiccia di carni madonite selezionate.

Ore 05.00: Aspettando l’alba, cornetto e caffè, come vuole la tradizione.
 
La giuria del Collesano Music festival è composta da:

Federico Canalini: nato alla Spezia nel 1976, si è diplomato in Tromba nel 1999, presso il Conservatorio di Musica “G. Puccini” della Spezia, sotto la guida del M° Luca Marzana. Presso la Scuola di Alto. Perfezionamento di Saluzzo ha frequentato il corso semestrale in musica antica con il M° P. Busca e nel 2001 ha vinto l’audizione per sostenere il corso semestrale di specializzazione per Professori d’Orchestra con i M° E. Ceretta e M° R. Rossi, in collaborazione con l’Orchestra Nazionale della Rai di Torino. Ha partecipato a diverse Master Class tenute dai maestri Taar, Madeuf, Cassone, Keavy, Baillow, Giussani. Fra le varie esibizioni in Italia ed all’Estero da ricordare le partecipazioni ai Festivals Puccini, S. Marino, Lubiana, Barcellona, Lisbona, Magonza, Francoforte, S. Gimignano, alla premiazione “Opera Award 2000”(Milano) ed al tempo stesso le collaborazioni con importanti realtà musicali come l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, la GoG, I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Regionale del Piemonte, l’Orchestra di Città Lirica, gli Ottoni di Firenze. Nell’ambito delle rassegne Internazionali di Musica Antica con strumenti originali doveroso citare quelle di Pisa, Venezia, Foligno,Viterbo, Madrid, Sarajevo, Napoli, Bologna, Amsterdam, Bruxelles, Baune e S. Pietroburgo, quest’ultime due con l’orchestra Accademia Bizantina diretta da M° O. Dantone. Si esibisce da solista o con ensemble barocchi come: ”Anima Mundi”, “L’Arte dell’Arco”, “Europe Armony”, ”Orfei Farnesiani”, “Accademia del Ricercare”, ”Guidantus”, “L’Orchestra Barocca Scuola Civica di Milano”, “Ombre Erranti”. E con alcuni di questi gruppi musicali ha inciso cd, partecipato a trasmissioni televisive o radiofoniche in Italia ed all’estero. E’ docente di tromba nella Scuola Media Statale “S. Pellico”della Spezia.

Katia Rindone dell’associazione culturale Stonature è siciliana, ha studiato danza, pianoforte e teatro, ha militato nei mandragora di cui è il frontwoman – cantante e in qualche pezzo imbraccia la chitarra per sentire che “rumore” fa, e come bassista e voce nei tleary. Dal 1998 con Stonature si occupa dell’organizzazione di festival, booking, laboratori teatrali, radio, fund rising per stonature e dal 2003 anche per altre realtà.  E’ stata referente di Audiocoop Sicilia dal 2001 al 2005, si trasferisce nel 2006 ad ancona e dal 2008 a ravenna dove alle altre attività ha aggiunto un servizio di driving per le bands, fa il tour manager quando è richiesto e offre un servizio di ufficio stampa. Ad oggi è impegnata nella realizzazione di “super fuzz live” e “underground over 30”, due programmi radiofonici che andranno in rete su http://www.radiosonora.it in autunno e alla costituzione della web radio dello SMIAF FESTIVAL, che prenderà vita da settembre, ha inoltre in cantiere due progetti musicali che prenderanno la via del live nei prossimi mesi. Collabora inoltre con madnuts agency, subcavasonora,  keysound, studio alfa. (https://stonature.wordpress.com)

Jacopo Bianchi nasce a La Spezia nel marzo del 1981. dal 1997 Insegna chitarra (elettrica, classica, flamenco, brasiliana), teoria e solfeggio, armonia, strumentazione, improvvisazione e composizione, pianoforte. Nel 2005 si diploma all’accademia musicale del lizar di Firenze in chitarra elettrica, dove sviluppa Tecniche strumentali chitarristiche, composizione, improvvisazione. Sempre al lizard consegue un corso di tecnica e teoria del suono. Suona e gestisce diversi gruppi musicali, con ottime capacità canore. Ha studiato 7 anni pianoforte, di cui tre con il Prof. f. benetti.

Marc De Dieux dirige il magazine SuccoAcido,  decennale rivista di cultura underground, dove si occupa di arte, musica, teatro, cinema, fumetto, libri.  Suona la chitarra con Giacomo Sferlazzo e Full Metal Racket.  Con la sua casa editrice, Edizioni De Dieux, pubblica libri, dischi, organizza mostre, tour e fa comunicazione di eventi.  Con Edizioni De Dieux e Casa Succoacido firma per Addiopizzo e Liberi Professionisti Comitato Paolo Giaccone.

L’ultimo componente della giuria sarà scelto tra lo staff del Collesano Music Festival
 
Hanno inoltre collaborato per la realizzazione di questo evento:  Rete dei Festival, Audiocoop, Balarm, SuccoAcido, MOB, MY GROOVE.

                                                      DOVE FINISCONO LE PAROLE…

                                                              INIZIA LA MUSICA!!!

ufficio stampa:

ass. cult. stonature

https://stonature.wordpress.com

www.myspace.com/stonature

stonature2000@yahoo.it

pressoffice.stonaturefamily@gmail.com

tel. / fax: 0039.0544499007

mob: 0039.3383103356

Skype: katirindone

qualche domanda per stuntbox e unk

Di ritorno dal mini tour che ha visto impegnati gli stuntbox e gli unk in due date in repubblica ceca e una in ungheria gli chiedo se vogliono rispondere a qualche domanda… di seguito le loro risposte.

 

K: Simone, oltre ad essere il chitarrista sei anche chi si occupa dei tours… pertanto la domanda di rito è: quando devi organizzare un tour all’estero da dove inizi?

Simone: Prima di tutto si decide il periodo, che può sembrare una cosa ovvia quando invece non lo e’.. meglio incastrare ponti/week end/vacanze varie per chi deve rendere conto a lavoro, dopo di che si decide a grandi linee dove andare.

Per il resto dopo svariati anni che giro all’estero per suonare mi sono fatto un pò di contatti che all’occasione rispolvero, amici, etichette discografiche, locali, band, tutto fa brodo.. Internet fa il resto

K: quali difficoltà trovi nel contattare l’estero? Quali vantagg

Simone: Guarda, trovo molte piu difficoltà ad organizzare date nel cesso di paese in cui viviamo piuttosto che all’estero.

Il minitour in questione l’ho organizzato in pochi giorni e ho pure dovuto rifiutare due date..

Le difficoltà possono essere di natura economica, è dura chiedere 300 euro a un promoter in polonia, mentre è più facile chiederli in germania. In sostanza ti puoi imbattere in diversi tipi di difficoltà ma in linea di massima hai cosi tante possibilità che una soluzione la si trova sempre.

I vantaggi sono innumerevoli: gente presa bene, feste tutte le sere, nuove amicizie, nuovi posti, far conoscere la propria musica in posti impensabili (con gli Imodium abbiamo suonato in posti “esotici” tipo russia, bielorussia, romania, bosnia, serbia, macedonia, turchia, ecc..).

K: sottoscrivi dei contratti con i local promoters o ti fidi della parola data?

 Simone: Contratti? Meno sento parlare di stronzate burocratiche meglio e’…

Pochissime volte mi è capitato di firmare contratti per date all’estero: una volta in slovenia, c’era scritto che ci avrebbero pagato minimo 80 euro e l’ho firmato con piacere, una volta in olanda abbiamo anche dovuto compilare la solita menata di modulo tipo siae e un’altra volta in germania. Per il resto si va a cazzo, ci si fida della gente, tanto alla fine sono quasi sempre amici. A volte puo’ capitare di prenderlo nel culo ma non e’ un problema, si va all’avventura e ci aspettiamo di tutto

K: Ti hanno mai tirato una cosiddetta “sola”?

Simone:  Sola vera e propria no, è capitato che non ci hanno dato quanto promesso (soldi/dormire/ecc..). Una volta a Varsavia non avevano pubblicizzato minimamente il concerto e non e’ venuto nessuno, una volta in Inghilterra abbiamo dovuto dormire in furgone perche misteriosamente era sparito il contatto che doveva ospitarci.. A Tallin in Estonia non abbiamo potuto suonare perché un gruppo aveva paura che gli rubassimo la scena (giravano sulla locale MTV, avevano un minimo di seguito e boh, non hanno voluto farci suonare chissà per quale strana paura..)

In tour succede di tutto, gli imprevisti sono all’ordine del giorno, l’importante e’ non farsi scoraggiare e pensare che cmq le soddisfazioni sono maggiori delle cose negative! 

K: perché preferisci organizzare i tour nei paesi dell’est?

Simone: Non e’ esatta come domanda: non e’ che preferisco, e’ che spesso ci capitiamo. Con gli Imodium un sacco di anni fa abbiamo cominciato a suonare all’estero con l’idea di suonare ovunque, anche fuori dall’europa. Lo abbiamo fatto creandoci una rete di amici/promoter e piu avanti nel tempo abbiamo deciso di ripassare dove meglio ci eravamo trovati. In linea di massima nei paesi dell’est la gente e’ più carica e ho fatto i miei concerti migliori, e’ per quello che ci si torna sempre volentieri… Unica eccezione la spagna e il portogallo ;)

Con il primo tour degli Stuntbox ci e’ venuto naturale cominciare dall’est per rompere il ghiaccio, ma stai pur tranquilla che ripeteremo l’esperienza imodium girando ovunque, anche fuori dall’europa, cosa che con gli Imodium non ho fatto a tempo a fare.

K: se dovessi dare un consiglio a chi si accinge a organizzare un tour all’estero, e in particolar modo nell’est europa quali dritte ti sentiresti di dare?

Simone: Ci si potrebbe scrivere un libro sull’argomento… L’unico consiglio che mi sento di dare è stringere amicizie con internet all’estero, non serve chiedere liste di contatti in giro, serve innanzitutto fare buona musica e conoscere band all’estero con cui scambiarsi consigli ed esperienze.

Katia: Bene ragazzi, ovviamente adesso si passa alle band: parlatemi un po’ del vostro gruppo/progetto, da dove nasce l’idea, perché il nome Stuntbox?

Simone: Gli Stuntbox sono nati due anni fa dalle ceneri del mio vecchio gruppo chiamato Imodium. Io e Sandro (voce chitarra Stuntbox) abbiamo suonato per più di dieci anni negli Imodium, band con cui siamo cresciuti, pubblicando 4 dischi, suonando 250 concerti, 7 tour europei con concerti in 30 stati esteri oltre all’italia.

Nel 2009 gli Imodium si prendono una pausa e io e Sandro decidiamo di continuare insieme cambiando nome e reclutando un bassista e un batterista di grande esperienza. Il risultato sono gli Stuntbox, band con cui in meno di due anni stiamo per uscire col primo album (Thirst, Sub Rock Records) dopo aver pubblicato un demo e aver suonato le prime date all’estero.

Il nome Stuntbox ci e’ venuto dopo un giro lunghissimo di mail, l’idea era Stompbox (la tavola di legno su cui si attaccano gli effetti a pedale per le chitarre) ma Stuntbox ci piaceva di piu come suonava. Poi ognuno ci trova il significato che vuole

Sandro: Dopo 10 anni negli Imodium e il loro scioglimento (più o meno temporaneo) io e simone volevamo una nuova esperienza e al tempo stesso continuare su quella strada, fare dischi, tour, insomma suonare. Cosi ci siamo messi in cerca di una nuova sezione ritmica, e abbiamo trovato Steve e Esor con i quali ci siamo intesi fin da subito come se suonassimo insieme gia da anni.
Il nome (tradotto letteralmente “la scatola delle imprese rischiose”) è stato scelto un pò perchè è una parola secca che suona e suona bene accostata alla nostra musica, un pò perchè rispecchia il nostro lato buchowskyano che anche tu ormai dovresti conoscere bene:)

Esor: Il progetto nasce come costola degli Imodium progetto musicale di Sandro e Simone, il resto lo ha fatto internet, io ero alla ricerca di un gruppo cattivo, sporco, e ubriaco… Sono capitato nel posto giusto al momento giusto..Il nome Stuntbox semplicemente perchè ha messo d’accordo un pò tutti, evoluzione di altri nomi che avevamo in lizza…il mio suggerimento “Dirty Pitons & Evil Trantula Society Headquarter” a Simone e Sandro pareva un pò troppo trucido… anche se…

K: Qual è il vostro ruolo nel gruppo/progetto?

Simone: Io suono la chitarra e faccio le controvoci

Sandro:  Suono la chitarra e canto, scrivo con simone la base delle canzoni (che poi sviluppiamo tutti insieme in sala) e mi occupo dei testi

Steve: Faccio casino col basso

Esor: Sono il batterista….la groovemachine degli Stuntbox…

K: Negli ultimi giorni avete affrontato un viaggio di più di 1.000 kmper andare a suonare in  repubblica ceca e ungheria, come è andata? Puoi indicarmi i luoghi e i locali cercando di farmi un piccolo sunto su impressioni e opinioni?

Simone: Per gli Stuntbox era la prima esperienza all’estero, ma per me e Sandro l’ottava, in passato con gli Imodium abbiamo suonato un pò ovunque in Europa. E’ andata abbastanza bene, soprattutto tenendo conto che siamo ancora sconosciuti da quelle parti. Abbiamo fatto due date in repubblica ceca, le città si chiamano Havlickuv brod e Stoky u Jihlavy, sono all’incirca nel centro dello stato e non sono grosse città.

La prima sera abbiamo suonato in un bowling bar e la seconda in una specie di pollaio prestato alla musica dal vivo.

In Ungheria il posto era quanto di piu simile a un centro sociale ci possa essere da quelle parti, la città si chiama Ajka, a nord del lago Balaton. 

Sandro:  Due date in rep.ceca (Havlickuv brod, e stoky u jihlavy ) e una in ungheria (Ajka).Ovviamente appena esci dall’Italia ti accorgi della differenza, la gente è meno lobotomizzata da tv consumismo e musica commerciale, ed è più interessata alla musica vera, e poi niente menate riguardo volumi e orari… 

Steve: Questo mini tour ci serviva per rompere il ghiaccio e fare la prima esperienza all’estero, dopo avere suonato su parecchi palchi del nord italia.. Ora ci tocca fare sul serio.

Esor: Dovevamo pucciare il becco al di fuori dei confini a tutti i costi, quindi l’esperienza di per se è nata positiva, direi che è andato tutto molto bene anche se avremmo sperato in un pubblico un pò più numeroso. Le località assolutamente non me le ricordo..

Locali:  il primo locale in Repubblica Ceca aveva un aria da bocciofila anni 60, affascinante nel suo modo di essere d’altri tempi, strepitoso il bowling  completamente in legno e semiautomatico. Zona Live ricavata spostando dei tavoli, suoni piuttosto potenti visto l’ambiente, anzi, da vera e propria soglia del dolore, perle della serata: l’esibizionismo di Simone, Drupi e “frontespizio”.

Seconda data in località limitrofa e in un posto che potenzialmente a mio avviso era una figata! Ricavato all’interno di una sorta di cascinale il sosto presentava diverse stanze l’ultima dedicata ai live, anche qui, a parte il pubblico non numerosissimo, i suoni erano all’altezza della sera prima, anche perchè in consolle sedeva un ubriachissimo “zio” eredità della serata precedente.

Terza data in Ungheria e locale davvero da 10, su diversi piani,  sala Live da almeno 300 persone, poster alle pareti di ispirazione cinematografica con un “Bud” nazionale che spicca con il manifesto Ungherese di “Lo chiamavano Bulldozer”. Ottima l’impressione sulla gente, soprattutto in Ungheria disponibilità incredibile, forse, specie nella 2° e 3° sera un pò troppe band in programma

K: Come è stata la risposta del pubblico? 

Simone:  Sicuramente non c’erano folle oceaniche,  ma cmq le persone presenti sembrano averci seguito con interesse, e con alcune di loro abbiamo mantenuto i contatti sul web.

Sandro:  Nelle due date in repubblica ceca, la gente mi è sembrata piuttosto coinvolta,e ci hanno chiesto in entranbe le date di fare ancora qualche pezzo a fine concerto.
In ungheria forse c’entravamo poco con gli altri gruppi della serata che facevano generi un pò più “estremi”, ma cmq almeno una parte del pubblico ci ha apprezzato molto.  

 

Steve: Speravo in un pubblico molto numeroso per la data ungherese, visto che suonavamo di spalla a una band americana. Ad ogni modo direi che non ci possiamo lamentare.

Esor: Bhè direi ottima, il pubblico non è stato numerosissimo, ma credo di poter dire che sicuramente qualcuno si è affezionato al sound degli Stuntbox.

K: cosa lasciate a in republica ceca e cosa porti a casa?

Simone:  Lascio qualche centimetro quadrato di fegato e porto a casa una serie di lividi.

Sandro:  La birra rebel, le partite di bowling a 2 euro, le scene di nudismo nei locali (che in reltà non sono state nulla rispetto a quelle capitate in ungheria).porto a casa nulla tanto ci tornerò.

Steve: La Rebel Beer e mi porto a casa una t-shirt per arricchire la mia collezione.

Esor: Bhè, in Cezch su tutto ho lasciato la birra d 1€ la pinta… porto a casa invece la maglietta più zarra disponibile sulla distro di “Capezzolo”.

K: cosa lasci a in ungheria e cosa porti a casa?

Simone:  Lascio un polmone compromesso e litri di sudore durante una partita di calcio e porto via una foto con un punk nudo. 

Sandro:  Lascio una ungherese che mi si vuole portare a casa

Steve:  Il gulasch con la soia e inquietanti uomini nudi. Torno a casa con una gran voglia di ripartire.

Esor: Bhè in Hungary su tutto ho lasciato la birra d 1€ la pinta, anche se un pò sciapina se devo dirla tutta…Porto a casa il ricordo agghiacciante di Simone abbracciato ad un uomo nudo

K: l’altra band sono gli unk, composta da simone alla chitarra, sandro stavolta alla batteria e una vecchia conoscenza, peppe al basso… anche a voi chiedo di parlarmi di questa formazione, da dove nasce l’idea?

Simone: Anche questo progetto nasce da un’idea mia e di Sandro (Stuntbox/Imodium). Dopo aver militato per più di dieci anni e aver girato l’europa con gli Imodium, sentiamo l’esigenza di qualcosa di diverso e iniziamo a provare in un box alcuni riff noise con me alla chitarra e lui alla batteria. Dopo aver accantonato provvisoriamente il progetto a causa della nascita degli Stuntbox, abbiamo deciso di riprenderlo nella primavera del 2010 coinvolgendo al basso il nostro amico Peppe, co protagonista con noi dell’avventura Imodium.

In un anno abbiamo registrato nella nostra sala prove e con i nostri mezzi un Ep composto da 4 canzoni noise strumentali scaricabile gratuitamente (www.myspace.com/unkcore).

L’intesa è stata fin da subito molto alta anche se sandro ha cambiato strumento (negli Imodium cantava e suonava la chitarra) e abbiamo iniziato dopo pochi mesi a suonare in giro sia in italia che all’estero.

Il nome lo abbiamo deciso dopo una delle prime prove: abbiamo letto una scritta fatta con delle lettere di cartone incollate su un muro, la scritta era PUNK ma la lettera P si era staccata. Peppe scherzando ci ha proposto di chiamare il gruppo Unk e 10 secondi dopo eravamo tutti d’accordo.

Sandro: Nasce per caso, nella nostra vecchia sala prove. Già negli anni Imodium io peppe e simone avevamo fatto qualche jam con questa formazione, e alla fine è diventato un gruppo vero e proprio.
Il nome nasce dalla copertina del nostro primo ep.
O meglio la foto in copertina fu scattata dopo la nostra prima prova in un birrificio a Milano. Abbiamo visto questa scritta “punk” sul muro a cui era stata tolta la “p” , e complice l’ubriachezza abbiamo deciso che dovesse essere il nostro nome.

Peppe:  Il gruppo nasce dall’idea di provare a fare qualcosa di diverso rispetto a quello che abbiamo sempre fatto. Con Simone e Sandro abbiamo suonato per anni insieme negli Imodium, nel 2009 abbiamo deciso di prenderci una pausa, e dopo un anno abbiamo provato a rimescolare le carte in gioco formando gli Unk. Il nome è nato dopo una prova, ubriachi fradici siamo andati al birrificio lambrate di Milano, dove sul muro davanti all’ingresso c’è questa scritta, in realtà c’era scritto punk, ma la p si è staccata, noi l’ abbiamo vista e siamo stati subito tutti d’accordo che il nome doveva essere quello.
K: Qual è il tuo ruolo del gruppo/progetto?

Simone: Suono la chitarra e tiro fuori riff.

Sandro: sfondo le pelli della batteria

Peppe: Io suono il basso, la cosa bella è che essendo un trio strumentale ogni strumento ha la stessa importanza, non c’è il solito cantante su cui viene concentrata tutta l’attenzione.

K: la vostra formazione ha aperto i concerti degli stuntbox nelle date in republica ceca e ungheria, come è andata?

Simone: Per gli Unk era la prima esperienza all’estero, ma per me Peppe e Sandro l’ottava, in passato con gli Imodium abbiamo suonato un pò ovunque in europa. E’ andata piuttosto bene, in repubblica ceca ci hanno chiesto pure i bis, in ungheria la gente era molto incuriosita, un tipo si è tagliato cercando di scoparsi dei vetri rotti davanti a noi che suonavamo e un altro ragazzo a fine concerto si è consumato le corde vocali a furia di complimenti, definendosi un esperto di math rock e dicendo che gli eravamo piaciuti molto.

Peppe: : Katia non mi fare scrivere i nomi delle città che sicuramente li sbaglio! Comunque abbiamo suonato in piccoli posti sperduti nell’est europeo, classiche atmosfere che abbiamo già vissuto nei viaggi con gli Imodium, e che ci piacciono tanto! La gente era abbastanza tranquilla, un po’ me lo aspettavo, i party più belli si vivono in altri paesi, come Polonia e Bielorussia..comunque è stato un tour piacevole, con momenti da ricordare, come gli scleri di Simone la prima sera, il partitone di bowling sulle piste vintage del locale ad Havlickuv Brod (o come cazzo si scrive..), il nudismo in repubblica ceca…

K: cosa lasci a in republica ceca e cosa porti a casa?

Simone: In rep ceca lascio il fatto che abbiamo suonato per la prima volta una nuova canzone di cui però non ho il minimo ricordo in quanto ubriaco alla sfinimento. Porto via una serie di lividi.

Peppe: Non lascio e non porto niente di particolare, è stato un tour abbastanza tranquillo, non andavo in tour da più di due anni e mezzo e sicuramente ci voleva un bel weekend come questo. In generale mi piace un sacco l’est europeo e ci andrei a vivere, almeno per un periodo, se potessi, anche se, come dicevo prima, preferisco altri paesi. Quindi mi rimangono sicuramente solo impressioni positive.

K: cosa lasci a in ungheria e cosa porti a casa?

Simone: in ungheria ho lasciato il ricordo delle mie “vergogne” esposte più e più volte. Ho portato a casa la pelle, è già qualcosa.

K: quali i prossimi progetti degli unk?

Simone: Suonare suonare suonare, un nuovo ep nei prossimi mesi e nuove esperienze all’estero.

Sandro: stiamo lavorando su dei pezzi nuovi, abbiamo intenzione di registrare altri ep (magari prima o poi faremo anche un full lenght), e soprattutto vogliamo suonare dal vivo più possibile.

Peppe: Vorremmo fare nuove canzoni, e pubblicare altri ep. In particolare c’è in cantiere l’idea di fare cover di telefilm degli anni 80, come McGyver, A-Team, ecc..purtroppo riusciamo a provare poco, quindi il futuro è incerto

K: Peppe so che hai anche altri progetti musicali, vuoi parlarcene?

Peppe: Io suono la chitarra negli Hotel Inferno, gruppo che ho fondato nel 2007 con Mirko, batterista degli Imodium, e altri amici. Facciamo un genere un po’ diverso, un garage rock con punte di stoner e punk, e soprattutto cantato in italiano. Abbiamo appena pubblicato un album, che penso sia la roba più figa che abbia mai fatto. Se vi va lo trovate in free download sul web.

K: e in ultimo la domanda di rito: com’è viaggiare con UNA driver?

 Simone: Viaggiare con te, Katia è quasi diventata una consuetudine, visto che oltre al primo minitour stuntbox ci abbiamo anche fatto gli ultimi tre tour degli Imodium (credo che siamo stati anche il primo gruppo che hai portato in tour all’estero). Andare in tour è un’esperienza unica e a tratti difficile, a volte salta fuori qualche problemino ma in linea di massima ci siamo trovati bene.

Sandro: Una merda le donne dovrebbe stare ai fornelli o a cucire la calzetta! ..scherzo, per me che sia UNA o UN driver non mi cambia niente.

 

Peppe: Il discorso è che per fare il lavoro di driver non centra essere maschio o femmina, ma ci vuole il carattere adatto per affrontare le situazioni più strane e sopportare le bizzarrie dei gruppi che porti in tour. Forse qualche anno fa avevo il pregiudizio che una ragazza fosse poco adatta, ma sicuramente non ce l’ho più.

Steve: Una rottura di palle!!! ahahahahahahah

Esor: Personalmente ero alla prima esperienza in compagnia di una/uno driver…mi sono sempre smazzato bordate di km alla guida, quindi, la prima impressione è stata che è estremamente comodo…